Palazzo Madama a Torino un viaggio tra arte e storia del capoluogo piemontese

5 (100%) 2 votes

Se pensiamo di visitare il centro storico di Torino , il primo luogo che ci viene in mente è senza dubbio Piazza Castello, che deve il suo nome all’imponente Palazzo Madama e Casaforte degli Acaja, noto però a tutti come Palazzo Madama.

Ma vi siete mai chiesti chi era questa misteriosa signora a cui si deve il nome di una così elegante e imponente costruzione?

La storia di Palazzo Madama Torino

In Piazza Castello dove oggi troviamo questo maestoso edificio, ai tempi dei Romani si trovava la Porta Decumana, che permetteva l’accesso alla città dal lato del Po. Solo dopo la caduta dell’Impero Romano d’Occidente, la porta venne trasformata in fortezza a scopo difensivo. Si sa ben poco di questo edificio prima della sua acquisizione da parte dei Marchesi di Monferrato nel XIII secolo, alla quale nel XIV secolo, seguì il passaggio della fortezza ai Savoia.

La signora a cui dobbiamo questo pezzo di storia piemontese era la Madama Cristina di Borbone-Francia, sorella di Luigi XIII Re di Francia e moglie del Duca di Savoia e Principe di Piemonte Vittorio Amedeo I, che abitò in questa dimora a metà del XVII secolo. Grazie a  lei infatti ha inizio il processo di abbellimento che renderà questo edificio una dimora lussuosa e sfarzosa, sia all’esterno che negli interni.

Il nome di Palazzo Madama si deve invece a Maria Giovanna Battista di Savoia-Nemours che, con la collaborazione di Filippo Juvarra, inizia un grandioso progetto in stile barocco, del quale però fu completata solamente la facciata, mentre il resto della struttura rimane tipicamente medievale, come testimoniano i mattoni scuri e le quattro torri cilindriche. Questa sorta di rivestimento o meglio dire, maschera barocca copre in parte l’edificio medievale e gli dona stile, autorevolezza e maestosità.

Palazzo Madama Torino oggi

Palazzo Madama oggi ospita una vasta collezione di sculture e di opere d’arte dei diversi secoli della sua storia, infatti è diventata sede del   Museo civico d arte antica Torino, oltre che svariate mostre temporanee,  possiamo ammirare una delle più importanti collezioni di porcellane al mondo, che rendono questo splendido palazzo una delle mete turistiche più visitate del capoluogo piemontese.

Il nostro consiglio per visitare Palazzo Madama e la sue mostre è quello di usufruire dell’Abbonamento Musei: con questa tessera infatti l’ingresso, anche alle esposizioni temporanee, è gratuito.

Se invece siete solo di passaggio a Torino e non avete questa tessera che vi consente di accedere a palazzi, giardini, musei e mostre temporanee di Torino e del Piemonte, l’ingresso costa 12 euro (10 il ridotto, mentre è gratuito per i minori di diciotto anni). Per accedere alle mostre temporanee si paga un biglietto a parte (10 euro, 8 il ridotto, i bambini fino ai sei anni di età entrano gratis). È possibile, inoltre, usufruire di un biglietto combinato museo+mostra: in questo caso si pagherà 16 euro per il biglietto intero e 14 per il ridotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *