Valenza cosa vedere e cosa fare nella capitale mondiale dell’oro

5 (100%) 11 votes

Valenza è una bella cittadina piemontese, di origine romana che si trova fra il Po e le colline del Monferrato, è stata un punto strategico militare per i marchesi di Monferrato, i Visconti di Milano, gli spagnoli, i Savoia… Il Duomo medievale fu ricostruito nel XVII secolo. All’interno è conservata una “Madonna del Rosario” attribuita a Moncalvo. Nella sala civica “Luigi Illario”, in via Mazzini 41, si può ammirare la Collezione d’arte orafa. La città è infatti nota a livello mondiale come capitale italiana dell’oreficeria, industria che qui nacque a metà ‘800 ed è tutt’oggi molto vitale.

Assieme a Valenza, molto interessante da vedere nella nostra gita ad Alessandria è Monte Valenza, un piccolo borgo molto accogliente, con poche case abitate ma con molta storia. Il centro storico è la parte più interessante, che si trova alla sommità del monte, con tutte le villette di recente costruzione che scendono verso la valle.

Nel centro di questa cittadina, si trova la piccola chiesa di Sant’Eusebio, cirocondata da alberi nella piazzola, e decorata da belle fontane e da aiuole variopinte. La via principale è via Italia, ovvero la strada principale di questo borgo, dove si trova anche la bella chiesa del Convento, dominata da un bel campanile.

Visita a Valenza e Monte Valenza, in Piemonte

Alla domanda cosa c’è da vedere a Valenza?

Non possiamo farci mancare una visita al complesso delle Terme di Monte Valenza, immerso in un grandioso parco di alberi secolari in una vallata fresca e tranquilla. La verde ambientazione piemontese rende il centro termale di  Valenza un luogo suggestivo di svago e di riposo.

Terme Monte Valenza

Le Terme di Monte Valenza, scoperte all’incirca nel 1900, sgorgano da due sorgenti: Sanatrix e Angelica.
Le due fonti d’acqua sulfurea vennero scoperte nel 1890, ma sistemate cinquant’anni più tardi; da allora ad oggi, con successivi interventi, la località ha perfezionato le proprie attrezzature fino a diventare un accogliente punto di riferimento non soltanto per chi vuole sottoporsi alla cura, ma anche per chi cerca un’oasi di tranquillità e di svago in Piemonte.

Le acque solfuree delle due fonti vengono utilizzate come aiuto nei disturbi dell’apparato gastroenterico e nelle patologie epatobiliari, infatti sono efficaci, tra le altre cose, per il fegato, le vie biliari, lo stomaco e l’intestino. Curano malattie respiratorie croniche, malattie del naso, orecchio, gola, reumatismo cronico, obesità, eczemi, acne, annessiti, sterilità, piccola insufficienza epatica, non sono indicate nell’ulcera gastroduodenale.
Sono utilizzate, sul posto con apparecchi direttamente alimentati dalle sorgenti, per bibita (cura idropinica, bagno, inalazioni, irrigazioni e irrigazioni vaginali).



Booking.com

Gioielli di Valenza in oro

In Italia esiste una fiorente industria del lusso, rappresentata dai distretti dell’oro e in particolare da quello di Valenza che è uno più noti e importanti nel settore dei gioielli tanto da essere denominata la capitale mondiale!

La piccola cittadina piemontese ha infatti la massima densità orafa d’Italia, il più grande numero di imprese artigiane orafe e gioielliere e unisce la solida tradizione dell’alto artigianato a una grande capacità di innovazione tecnica, stilistica e di materiali. L’elevato livello del design, un vivace tessuto produttivo e una fiera di fama internazionale, centri di formazione e una tradizione di produzione orafa radicata nel territorio, fanno di Valenza una meta privilegiata dai turisti del lusso e da curiosi e appassionati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *