Visita al Castello di Masino, una reggia millenaria che domina il Canavese.

5 (100%) 5 votes

Nel comune di Caravino, a 55 chilometri da Torino si trovano il Castello e il Parco di Masino. La struttura fu costruita nell’XI secolo, completamente immersa in un immenso parco monumentale, la dimora sontuosa di una delle più illustri casate piemontesi, discendente da Arduino, primo re d’Italia: in questa splendida villa troverete mille anni di storia narrati in un percorso tra saloni tutti affrescati e arredati, infatti nel corso dei secoli ha subito notevoli trasformazioni arrivando a diventare una splendida tenuta di campagna che ancora oggi è possibile visitare ed ammirare.

Storia del Castello di Masino

Il castello, si trova in una posizione strategica sulla collina monerica, domina dall’alto la zona di Ivrea. Per questo motivo fu fin dall’inizio al centro di numerose battaglie, che videro come protagonisti i Savoia, gli Acaia, i Visconti e gli stessi conti di Masino e i cugini Valperga. Inizialmente adibita a fortezza per il suo ruolo difensivo, il castello era circordato da alte mura e da possenti torri di guardia, che però scomparvero dopo il Rinascimento per far posto ai magnifici giardini. Alla fine del Settecento la tenuta perse completamente il suo valore difensivo per trasformarsi definitivamente in una dimora di campagna adibita a feste, momenti di relax e attività ludiche.

parco e castello di MasinoAll’interno del castello potrete ammirare tantissimi affreschi (realizzati tra il ‘600 ed il ‘700), numerosi e ricci arredi, le stanze degli ambasciatori e gli appartamenti della Madama Reale (detti così poiché furono costruiti nel 1670 dal Conte Carlo Francesco I di Masino per la consorte di Vittorio Emanuele I di Savoia).

Tra le bellissime sale da visitare vi è certamente il Salone da Ballo, una bellissima sala finemente decorata e con grandi finestre da cui si gode della vista sul verde del grande parco del castello. E poi la Sala degli Stemmi, la Sala dei Gobelins con le magnifiche tappezzeri ed il Salone degli Dei sontuosamente decorato così come la Galleria dei Poeti. All’esterno la grande Terrazza dei Limoni e la più piccola Terrazza degli Oleandri, da cui godere di un panorama davvero incantevole, immerso nel verde e nella pace della campagna piemontese.

Il castello comprende anche delle scuderie del settecento ed il palazzo delle carrozze, che si trovano in un edificio staccato dal palazzo e più precisamente all’ingresso della tenuta. Nel Museo delle Carrozze potrete ammirarne 12, la maggior parte di epoca ottocentesca, tra cui: la carrozza di gala, il coupé, il vis-à-vis, il carrozzino per bambini realizzate dai più importanti costruttori italiani di carrozze del tempo.

La tenuta di Masino è circondata inoltre da un enorme parco, completamente ristrutturato tra il settecento e l’ottocento secondo uno stile definito all’inglese. Davvero uno splendido esempio di giardino in cui potrete trovare inoltre un Labirinto di Siepi, visibile dal castello, il Giardino dei Cipressi e la strada dei ventidue giri.

Si tratta di una tenuta davvero affascinante, per la particolare bellezza dei suoi interni riccamente e finemente decorati ed arredati, e per il fascino dei suoi giardini esterni ricchi di fiori che immergono questo luogo in un’atmosfera di altri tempi. Inoltre il Castello di Masino propone sempre numerosi eventi e attività come le passeggiate guidate nel labirinto, la consultazione dei libri della bellissima biblioteca e il giro in mongolfiera. Molte anche le attività per i bambini come ad esempio la Caccia al Tesoro sulle tracce del Re Arduino.

Nel castello c’è anche un grazioso caffè panoramico dove poter fare una pausa in dolcezza ammirando dall’alto i giardini e le terrazze. Insomma un posto dove potersi divertire e passare una splendida giornata insieme a tutta la famiglia in Piemonte.

Dopo questa breve presentazione credo che avrai capito, che vale sicuramente la pena fare un salto in quella che è una delle più belle tenute aristocratiche nei dintorni di Torino, non è vero?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *