Visita al Santuario d’Oropa, la meta preferita dai pellegrini di tutto il mondo.

5 (100%) 3 votes

Ogni anno migliaia di visitatori arrivano a Biella con un unico scopo fare visita al santuario ad oropa.

biella santuarioIo ho la fortuna di viverci vicino e devo ammettere che è un posto davvero fantastico, nell’aria si sente magia, un luogo carico di positività e di benessere…

Credo che una persona non possa ritenersi un vero Cristiano se non ha visitato almeno una volta il santuario presso Biella.

A Oropa  in uno scenario unico e incontaminato a 1200 m di altezza, stiamo parlando di soli  20 minuti dal centro di Biella. si trova il Santuario di Oropa, devi sapere che è tra i primi in Europa per importanza. Situato in una suggestiva conca, il luogo sacro è legato al culto della Madonna Nera, detta appunto Santa Vergine d’Oropa.

Storia del Santuario di Oropa a Biella

La tradizione vuole che il Santuario di Oropa venne fondato da Sant’Eusebio, vescovo di Vercelli nel IV secolo proprio in questa zona dove il paganesimo venerava i grandi massi erratici e il culto delle antiche divinità femminili celtiche. Dalla prima metà del Trecento, nel Santuario di Oropa si venera la statua gotica della Madonna Nera. In origine la statua era ospitata in un sacello, il luogo lo si vede nella parete nord della basilica antica, vicino a un masso erratico.

santurio di Oropa presso BiellaArriviamo al XV secolo, qui le famiglie di Biella costruiscono diverse case private per ospitare i pellegrini. Ma è in epoca barocca che il Santuario si espande, architettonicamente parlando, grazie anche all’interessamento della Casa Savoia. Ad Oropa intervengono nomi noti come Filippo Juvarra, sua la Porta Regia, Ignazio Galletti e Guarino Guarini. Intorno alla Basilica antica si decide così di costruire un Santuario, per ospitare al meglio i pellegrini. Nel Seicento la peste colpisce duramente il Piemonte, ma la città di Biella fa voto alla Madonna d’Oropa e non viene toccata: ecco che ogni anno ancora adesso Biella compie una processione solenne a Oropa. Dal 1620, poi, ogni cento anni si ha l’incoronazione della Statua della Madonna Nera.

Su un colle a ovest del Santuario, viene poi costruito il Sacro Monte. La leggenda vuole che la statua della Madonna Nera fosse stata nascosta da Sant’Eusebio sotto un masso erratico, per impedire che se ne impadronissero gli eretici. Nel primo Seicento sopra questo masso venne costruita la cappella del Roc. Poi la vecchia chiesa di Oropa venne costruita inglobando un secondo masso erratico, il roc ‘dla Vita dove le donne pagane andavano a strofinarsi per propiziare la nascita dei figli. Nell’Ottocento, si decise di costruire una seconda corte per ospitare anche il cimitero, mentre il cimitero monumentale sorge a ovest del santuario, vicino alla via del Sacro Monte. Qui trovate diversi simboli esoterici riferiti alla Massoneria. Nel XX secolo si cominciano i lavori per costruire la chiesa nuova. Segnalo anche come all’interno del Santuario ci sia un osservatorio meteo-sismico.

Ci sono alcune particolarità legate alla statua della Madonna Nera di Oropa: la statua non è logorata e non c’è traccia di tarlatura, il piede non è consumato nonostante l’abitudine di toccarla, sui visi della Vergine e del Bambino non si ferma la polvere.



Booking.com

Santuario di Oropa come arrivare?

Raggiungere il Santuario presso  Biella è davvero molto facile, anche se la strada non è delle migliori infatti arrampica parecchio per arrivare sino ai 1200 mt è praticamente impossibile sbagliarsi perchè c’è un’unica strada che porta in quella direzione!

Se ti interessa impostare il navigatore devi sapere che si trova in via Santuario di Oropa 480, 13900 Biella a Oropa (BI). Sono circa 14 km dal centro di  Biella sulla strada statale 144; a 56 km da Vercelli sulla strada statale 230; a 87km da Torino sulla A4 Torino-Milano con uscita Santhià; a 115 km da Milano sulla A4 Torino-Milano con uscita Carisio. Arrivando da Alessandria, dovete uscire a Santhià e prendere la s.s. 143, mentre da Aosta dovete raggiungere il raccordo Ivrea-Santhià con uscita Santhià.

Se prendete il treno, la stazione ferroviaria è quella di Biella S. Paolo a 14 km da Oropa, mentre gli autobus partono dalla stazione di Biella, linea 360.

Se faccio visita a Biella al  Santuario cos’altro posso vedere?

Se decidi di fare una gita nel Biellese e come metà hai scelto il Santuario di Oropa, non possiamo che consigliarti dato che sei già in zona di raggiungere il rifugio Savoia e il Lago del Mucrone, potrete anche prendere, se non siete amanti delle lunghe passeggiate  una funivia che vi condurrà fino alla cima del Monte Camino. Prima di salutarti voglio ricordarti che il Sacro Monte di Oropa fa parte dei Sacri Monti del Piemonte e della Lombardia e dal 2003 fa parte del patrimonio dell’umanità dell’UNESCO, quindi credimi non puoi proprio non venire a visitarlo 😉

 

Un pensiero riguardo “Visita al Santuario d’Oropa, la meta preferita dai pellegrini di tutto il mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *